The Revolutionary Association of the Women of Afghanistan (RAWA)
RAWA


 

 

RAWA.org, October 8, 2016

Comunicato di RAWA: L’invasione statunitense dell’Afghanistan ha ulteriormente sprofondato la regione nel terrorismo!

Associazione Rivoluzionaria delle Donne dell’Afghanistan (RAWA), 7 ottobre 2016.


Let us drive away the US and NATO occupiers with our unity!

Dunque, è chiaro che gli Stati Uniti non hanno portato la guerra in questa parte del mondo per cercare vendetta per le vittime del 9/11 o per proteggere i propri cittadini; il loro unico scopo è stato quello di promuovere i propri odiosi piani imperialisti.

Quindici anni fa, gli Stati Uniti e i suoi alleati hanno bombardato le nostre persone inermi e indifese, e hanno occupato l’Afghanistan con il pretesto della “guerra al terrore”. L’intervento militare degli Stati Uniti è stato senza dubbio l’inizio di un nuovo capitolo di dolore, sofferenza e miseria per la nostra nazione. I terroristi jehadi si sono sostituiti ai terroristi talebani, e il nostro paese è stato immerso nel baratro del fondamentalismo, misoginia, corruzione, insicurezza, povertà, disoccupazione, traffico di droga, saccheggio dei beni nazionali, intervento dei paesi vicini e migliaia di altre catastrofi.

Quando i B-52 degli Stati Uniti piovevano sui talebani, spingendoli lontano da Kabul, e i criminali Jehadi creati dalla CIA si sono installati al loro posto, RAWA ha denunciato ciò che ora è visibile dopo un decennio e mezzo. In un appello alle Nazioni Unite, il 30 novembre 2001 abbiamo dichiarato, “Il ritiro dei talebani terroristi da Kabul è uno sviluppo positivo, ma l’ingresso degli stupratori e saccheggiatori dell’Alleanza del Nord nella città non è altro che una notizia terribile e scioccante per circa 2 milioni di abitanti di Kabul le cui ferite degli anni 1992-1996 non sono ancora guarite. “Un anno dopo gli attacchi del 9/11, RAWA ha ribadito,” Il popolo afghano, è ‘fuori dalla padella, direttamente nel fuoco’. Al posto dei terroristi talebani, i jihadisti terroristi del ‘Alleanza del Nord’ sono stati installati al potere. I jihadisti e i fondamentalisti talebani condividono una comune ideologia; le loro differenze sono le solite differenze tra fratelli-in-fede. “Questo è il tradimento imperdonabile degli Stati Uniti contro il popolo dell’Afghanistan, oltre a quello di aver sostenuto il fondamentalismo afghano per quarant’anni.

Abbiamo creduto fin dall’inizio che la misoginia rabbiosa degli oppressori talebani e Jehadi non nascono solo dalla loro mentalità disumana e dalla loro formazione, ma è stato anche alimentato da ignoranza e fondamentalismo religioso. Noi crediamo che se questo sistema disumano non perde il sostegno finanziario e militare e il sostegno di potenze imperialiste e dei governi reazionari dell’Iran, Pakistan e Arabia Saudita, questa misoginia rabbiosa non verrà sradicata dal nostro paese e una società basata sulla democrazia, la giustizia, l’uguaglianza non potrà mettere radici nella nostra patria. Abbiamo già visto come le donne afgane hanno trascorso i giorni più terribili della loro vita sotto il dominio degli Stati Uniti e il suo governo fantoccio negli ultimi quindici anni. Le donne afgane non hanno sperimentato tali alti tassi di violenza, stupro, omicidio, il tasso di mortalità materna, e altre forme di oppressione, in qualsiasi altro periodo della storia. Il brutale assassinio di Farkhunda in pubblico, la lapidazione a morte di Rukhshana, la combustione a morte di Zahra, la decapitazione di Tabasum, lo stupro di Bashira, Samia, e Shakeela, e decine di altri casi, sono sufficienti per rappresentare la gravità della violenza contro le donne nel nostro paese occupato dagli Stati Uniti e dalla NATO, e dai loro cani talebani e Jehadi.

Gli Stati Uniti hanno invaso l’Afghanistan, apparentemente per smantellare Al Qaeda e altri terroristi, e per cercare vendetta per il sangue dei 3.000 americani uccisi negli attacchi del 9/11, e in seguito hanno attaccato Iraq, Libia, Siria, Yemen e altri paesi e ucciso migliaia persone di innocenti nel bagno di sangue che ne seguì. Il punto più importante è che, contrariamente alle loro affermazioni ingannevoli e ai loro slogan, gli invasori americani non solo non sono riusciti a smantellare e indebolire i Talebani e Al Qaeda, ma hanno rafforzato questi gruppi, e hanno creato e finanziato gruppi molto più sanguinari – come ISIS – il cui attacco terroristico ora si è diffuso anche nelle città europee. Quindi, è chiaro che gli Stati Uniti non hanno portato la guerra in questa parte del mondo per ottenere vendetta per le vittime del 9/11 o per proteggere i propri cittadini; il loro unico scopo era quello di promuovere i propri piani imperialisti odiosi, e in questo ultimo decennio e mezzo la guerra ha ucciso milioni di persone, provocato lo sfollamento di centinaia e milioni di altri. Oggi, in una situazione di stallo senza precedenti tra gli Stati Uniti ed i suoi più grandi rivali, la Russia e la Cina, il mondo sta camminando su un sentiero pericoloso. In caso di guerra tra questi paesi, l’Afghanistan sarà uno dei luoghi più suscettibili agli attacchi a causa della presenza delle basi militari statunitensi.

Oggi è ben noto che la guerra degli Stati Uniti è, ed è sempre stata, contro le persone innocenti e indifese dell’Afghanistan e non contro i talebani, Al Qaeda e gli altri terroristi. Recentemente, mentre i criminali della banda di Gulbuddin (che si sono ufficialmente assunti la responsabilità di diversi attentati suicidi sanguinari) sono stati “con onore e rispetto” accolti nella cerchia dei criminali del governo fantoccio, quattordici afghani innocenti sono stati uccisi e decine di altri feriti in un attacco drone Usa nel distretto di Achin della provincia di Nangarhar. L’attacco è stato apparentemente effettuato per uccidere gli elementi ISIS.

L’Associazione Rivoluzionaria delle Donne dell’Afghanistan (RAWA) crede fermamente che l’Afghanistan non vedrà la prosperità fino al giorno in cui gli occupanti degli Stati Uniti saranno presenti nel nostro paese e il loro governo fantoccio di tirapiedi fondamentalisti governeranno sulle nostre persone. L’unica strada verso la libertà dagli artigli mostruosi degli occupanti e dal loro regime corrotto è l’unità e la coscienza del nostro popolo. Una nazione libera e orgogliosa può prendere il suo destino nelle proprie mani e tagliare i legami con gli accoliti di John Kerry per determinare le sue azioni.

Category: Italiano, Italiano RAWA - Views: 786