Vittima disabile di una mina antiuomo in Afganistan

Secondo una stima delle Nazioni Unite, l'Afganistan Ŕ uno dei tre paesi pi¨ minati al mondo. Circa 200.000 civili sono morti, e 400.000 sono stati resi disabili dall'esplosione di mine nel paese. La UNOCHA, agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di coordinare l'assistenza umanitaria in Afganistan, ha calcolato che approssimativamente altre 6000 persone ogni anno perderanno la vita o gli arti nell'esplosione di mine in un paese devastato dalle guerre. In Afganistan vi sono al momento 10 milioni di mine antiuomo pronte ad esplodere nel momento stesso in cui qualcuno vi cammini accidentalmente sopra.

Ogni giorno, nel solo Afganistan, circa 20 civili innocenti, tra cui donne e bambini, cadono vittime delle mine. MetÓ di essi muoiono per la scarsitÓ di assistenza medica e di cure. La presenza delle mine Ŕ causa dell'impossibilitÓ di accesso a pi¨ di 488 chilometri quadrati di terra, comprese zone coltivabili, canali di irrigazione, ed aree residenziali.

Pi¨ del 30% delle vittime di mine antiuomo in Afganistan sono bambini. L'ereditÓ delle lunghe guerre nel paese ha portato a 750,000 amputazioni.

Le Nazioni Unite stimano la presenza di 10 milioni di mine in Afganistan. Attualmente ve ne sono 600,000 in attesa di essere disinnescate, mentre le fazioni belligeranti continuano a sotterrarne delle altre.

Vittima disabile di una mina antiuomo in Afganistan



[Home]