Afghanistan : Massacro a Yakaolang

Amnesty International, 28 marzo 2001
Indice AI : ASA 11/007/2001


Amnesty International oggi ha rilasciato una relazione sul massacro avvenuto in gennaio di oltre 300 uomini disarmati e parecchie donne civili e bambini da parte delle forze talebane di Yakaolang, nella provincia di Bamyian.

Secondo il resoconto dei testimoni, le forze talebane hanno iniziato ad arrestare e a uccidere le persone di etnia Hazara parecchi giorni dopo aver ripreso il distretto di Yakaolang dalle forze armate di Hezb-e Wahdat (7 gennaio).

I testimoni hanno anche dichiarato che ci sono stati omicidi di dozzine di civili che si erano nascosti nella moschea. Una persona ha detto : "Alcune persone di Kata Khana sono scappate nella moschea pensando che i talebani avrebbero rispettato la santitÓ del luogo, ma si sono sbagliate". Essi hanno detto di aver visto i soldati talebani lanciare razzi contro la moschea, dove si erano rifugiate circa 73 fra donne, bambini e persone anziane. A nessuno Ŕ stato permesso accedere alla moschea per tre giorni e solo due bambini sono sopravvissuti.

Il capo dei talebani Mullah Mohammad Omar ha negato che ci sia stato il massacro e ha proibito ai giornalisti di visitare il paese.

I testimoni hanno anche detto ad Amnesty International che le forze militari a Hezb-e Wahdat hanno fatto almeno quattro esecuzioni sommarie durante i molti giorni in cui hanno tenuto il controllo di Yokaoland nell'ultima parte del mese di dicembre del 2000.





h t t p : / / w w w . r a w a . o r g